Mangiare Pesce Crudo è Rischioso Per La Salute ?

Nel mese di Agosto un uomo di Chicago ha fatto causa ad un ristorante che gli ha servito del Salmone contaminato dal parassita Taenia solium (verme solitario), denunciando come il ristorante non avesse supervisionato il personale al fine di trattare correttamente il pesce e permettendo ai clienti di consumare cibo non sicuro.

Anche in Italia il consumo di pesce crudo è in aumento, utilizzato per esempio nella preparazione di Sushi e Sashimi; tuttavia i rischi per la salute sono rilevanti solamente se i ristoratori non rispettano le norme sanitarie: la legge prevede che i pesci consumati crudi devono essere lasciati nel congelatore per 24 ore a -18 gradi. Questo processo è fondamentale per l’uccisione di tutti i parassiti.

Chi ha l’abitudine di preparare il pesce crudo a casa propria deve quindi considerare che rischia di esporsi a diversi potenziali rischi per la salute; primo tra tutti l’Anisakidosi.

L’anisakis è un verme di circa 3 cm, che può infestare praticamente tutti i pesci ma che è presente nell’85% delle aringhe, nell’80% delle triglie e nel 70% dei merluzzi. Il vermetto provoca dolori addominali, diarrea, nausea, vomito, perforazioni dell’intestino e dello stomaco. Ovviamente in luogo del congelamento l’altra soluzione è la cottura. Il succo di limone o l’aceto non bastano ad uccidere i parassiti, occorre appunto la refrigerazione prolungata o il calore.

I sintomi si manifestano entro 7 giorni dall’ingerimento di cibi marini con la comparsa di dolori addominali, diarrea e febbre. Le larve possono anche penetrare nella parete gastrica o intestinale con formazione di lesioni ascessuali o più frequentemente granulomatose (forme croniche di anisakidosi), con emorragia, necrosi che possono condurre all’occlusione intestinale, sino alla perforazione dell’organo con peritonite.

La diagnosi di certezza di anisakidosi scatta con l’individuazione del parassita. Ma non è sempre facile. Molti casi si prestano a essere scambiati per altre patologie gastrointestinali: rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn, neoplasia intestinale o anche appendicite acuta. Quando l’anisakidosi si presenta nella forma complicata, tale da causare una occlusione intestinale, è necessario l’intervento chirurgico.

“Non c’è da fare terrorismo”, avverte il professor Gidaro, direttore della prima clinica chirurgica dell’ospedale di Pescara. “Diciamo però che è come il fumo, è un problema di informazione: soltanto da un po’ si sta prendendo coscienza che le sigarette fanno male, così bisogna sapere che mangiare pesce crudo può spesso provocare guai seri”. “Ovvio che non tutti coloro che mangiano pesce crudo incorrono nei problemi capitati a tanti nostri pazienti (32 i casi rilevati tra Chieti e Pescara negli ultimi tre anni). Con questo voglio dire che non tutti sono costretti a operarsi d’urgenza però sono molto frequenti altre conseguenze, che spesso rimangono silenti. E’ il caso delle allergie al pesce o gli shock anafilattici che queste allergie sono in grado di provocare”.

E’ per questo che a Pescara si è costituita la Sisan, una società che si occuperà del problema dell’anisakis cercando di rilevarne l’incidenza con uno studio epidemiologico, e tentando di avviare una rigorosa campagna di prevenzione. “Qui bisogna subito sgomberare il campo da un equivoco”, prosegue Gidaro, “l’anisakis nel pesce c’è sempre stata, dunque non è un problema di inquinamento del mare. La differenza è che, diversamente dal passato, siamo più consapevoli dei danni che possiamo causare alla nostra salute quando mangiano pesce crudo senza prendere precauzioni”.

APPROFONDIMENTI e RISORSE ESTERNE

http://ilcentro.repubblica.it/dettaglio/Il-verme-del-pesce-crudo/1337203?edizione=EdRegionale

4 commenti su “Mangiare Pesce Crudo è Rischioso Per La Salute ?”

  1. In 52 anni di vita le uniche intossicazioni lo ho avute grazie a medicine prescritte con troppa leggerezza e da un meraviglioso risotto con asparagi di un rinnomato ristorante milanese.certo che se il pesce lo comprate da jimmy il zozzone poi son fatti vostri ;-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *